giovedì 28 marzo 2013

Blogstorming: Sfide quotidiane... costruiamo insieme la ricetta "perfetta".


Per il mese di Marzo il blogstorming di genitoricrescono invita a riflettere su "Sfide quotidiane e strategie di sopravvivenza", ovvero su tutte quelle abilità e strategie che ogni genitore mette in atto  per sopravvivere nel quotidiano.

Pensavamo di non scrivere nulla questo mese, perchè con Gioia di soli 7 mesi e (lo diciamo a "bassa voce") per di più bimba quasi "angelica", al momento ci sentivamo un po' fuori posto.

Poi però abbiamo cominciato a leggere i contributi al blogstorming degli altri genitori e abbiamo scoperto che in realtà, del tutto inconsapevolmente, anche noi stiamo già usando delle "strategie" e che tutte le famiglie, seppur con bambini  molto diversi tra loro, alla fine, in un modo o nell'altro, hanno una ricetta comune.

Abbiamo quindi assaporato ogni post e alla fine di questa degustazione questi sono gli ingredienti che siamo riusciti a scovare e che elencheremo di seguito in rigoroso ordine sparso. Se volete gustarvi anche voi questa ricetta unica al mondo vi invitiamo a mescolare tutti i componenti perchè siamo sicuri che, da questa unione, non potrà che venirne fuori una famiglia (quasi) perfetta.

Adesso "bando alle ciance" e come direbbe Benedetta Parodi "mettiamoci a cucinare!" mescolando tutti insieme questi particolari ingredienti:

- quanto basta di COLLABORAZIONE:

Ce l'abbiamo!

Per noi questo era già un punto fondamentale prima di diventare genitori, ma è già chiaro che in tre lo diventerà ancora di più. Per ora Gioia non può ancora  partecipare materialmente ma, prima o poi, anche lei si unirà alle faccende della famiglia 3G e così faremo tutto a 6 mani. Leggendo quà e là abbiamo visto che questo è uno degli ingredienti principali di molti genitori:
  • come la mamma di PIANETAMAMMA/MammaBaby: "Ho imparato che se riesco a coinvolgerla nelle attivita di casa, lei si diverte e io riesco a fare i miei doveri di casa! Ed è  così  che diventa divertente fare una torta insieme, mentre Giorgia mescola gusci di uova con buccia di mela e farina e io preparo l’impasto!"
  • o come la mamma di VENTICINQUEANNIMAMMA: "Nei momenti in cui devo gestire la casa mi faccio aiutare dal piccolo terremoto ond'evitare che lo ritrovi a fare qualche cosa proibita, come giocare con i cavetti dei caricabatterie o tirare fuori tutti i dvd dalle custodie.. Mi passa le mollette se devo stendere i panni, oppure le mette a posto se li ritiro dallo stendino, mi aiutata a svuotare la lavastoviglie  e quando è ora di apparecchiare lo facciamo insieme."   
  • la celebrazione di questo fondamentale ingrediente la troviamo nella dolcissima lettera di "mamma Squa" con il suo GENITORI A QUATTRO MANI di cui non riportiamo nessuna frase perchè non sapremmo quale scegliere... provate a leggerla e poi ci ci direte...

- quanto basta di GIOCO e CANTO: 

In questo caso dovremmo urlare: "CE L'HO!"

Gioia ha solo sette mesi e come già detto non può certo partecipare alle faccende di casa, ma per fare il minimo indispensabile in casa (che di questi tempi è già una bella conquista), solitamente io e Gio facciamo qualsiasi cosa (apparecchiare, sparecchiare, passare l'aspirapolvere, cucinare....) con lei accanto (nel seggiolino da tavolo, sul letto, nella fascia porta bebè...)  mettendo in musica  ogni gesto; le parole cambiano, ma non so perchè la melodia di fondo è sempre la stessa (avete presente "Topolino, topoletto... zum pa pa... si è ficcato sotto il letto ... zum pa pa...?). Gioia ci guarda sorridente agitando le sue belle braccine come fossero delle piccole alette.
E il canto accompagna poi anche il bagnetto con una canzoncina di tutte le parti del corpo, la pappa con cui cantiamo di tutti i suoi ingredienti, il ruttino che con una filastrocca arriva prima e chiaramente anche la nanna che ci dà anche l'occasione di ampliare il repertorio facendolo diventare multilingua... E la cosa è contagiosa e ormai, tra nonni, zii e nipoti potremmo facilmente creare un nuovo gruppo musicale.

Cantare e giocare per ogni cosa?! Pensavamo di essere impazziti, ma continuando a gironzolare nei post del blogstorming abbiamo visto che non siamo soli. Il gioco è veramente un'ingrediente fondamentale in ogni famiglia:

  • ancora da PIANETAMAMMA/MammaBaby: "Ho imparato dopo tante mattine di capricci per vestirsi e pettinarsi, e dopo aver perso la pazienza mille volte.. che se riesco a rendere tutto un “gioco” allora ogni cosa diventa più semplice!"  
  • dalla mamma di CAOSINCASA "Il trucco è quello di trasformare alcuni piccoli lavoretti in gioco ed ora è il mio piccolo Leprotto Nocciola ad offrire il suo aiuto in alcune faccende quotidiane.....
    Certo, ci vuole molta fantasia per far passare questi lavori come momenti di divertimento e soprattutto occorre tanta pazienza nel fare le cose a modo suo, rispettando i suoi limiti e rinunciando a qualsiasi incombenza quando non siamo in giornata buona.
    Così durante il giorno riesco a portarmi avanti con qualche piccolo mestiere e non mi ritrovo tutto da fare la sera, anche se la cosa più importante rimane il fatto che ho trascorso una giornata serena e mi sono divertita con i miei bambini!".
  • dalla mamma di QUALCOSASTACAMBIANDO "Così la piccola crisi diventa una voragine in cui vengono risucchiate tutte le ultime energie.
    ...Finché non si è scoperto che se canto/cantiamo una canzone, il Marines si calma, osservandomi ad occhi spalancati (sarò stonata come una campana)". 
  • troviamo che sia comunque un gioco il modo simpatico che ha trovato "la mamma staccata" per far fare i compiti al suo Superboy:"Da allora, quando deve studiare, mi chiede di tanto in tanto di raccontargli qualcosa che lo faccia spaziare un po’ nella materia.  Io mi diverto a farlo, lui è soddisfatto e per il momento viviamo felici e contenti in attesa della prossima crisi."
  • e il gioco è un ingrediente base anche per la quattro volte mamma di veramenteveronica: "L'altra tappa della giornata è il gioco: non c'è giorno che io non mi sieda sul tappeto ( e a volte mi devo aiutare ad alzarmi) con le pesti a giocare ( su questa tappa sono intransigente), o ad inventare giochi , colorare mostri fantastici o costruire lego e  questo giocare insieme  mi permette di godermi  i loro sorrisi e le loro espressioni e anche le loro coccole "

- una buona dose (che crediamo aumenterà in modo esponenziale con il passare degli anni) di PAZIENZA:

E' vero Gioia è una bambina tranquilla, ma anche lei hai suoi momenti di leggera irrequietezza e in questi casi, oltre alle canzoni, non c'è ingrediente migliore della pazienza: "se noi siamo calmi anche lei si tranquillizza, se noi ci agitiamo si raggiunge il punto di non ritorno!.
E anche qui non siamo certo soli:
  •  una delle frasi che rende bene il concetto della pazienza è sicuramente quella  della mamma Gina Barilla: "L'unica ricetta che ho trovato valida, è la "ferenza", un po' fermezza, un po' pazienza. A volte più pazienza che fermezza, lo ammetto."
  • e poi non possiamo che essere d'accordo con mumtrioska "Si può dire, concludendo, che la mia sfida è quella di avere una figlia serena e la strategia è quella vivere serena anche io."


      - molta COMUNICAZIONE:

      Giovanni ride sempre quando faccio quelli che lui chiama i "discorsetti" alla nostra piccolina; non so quanto lei riesca a recepire, ma mi piace pensare che in fondo lei li capisca veramente e che prima o poi mi stupirà rispondendomi "Si mamma... ho capito".
      • ci troviamo quindi pienamente d'accordo con la mamma di MAMMAMOGLIEDONNA  "La verità vera è che ogni volta che alziamo la voce o peggio le mani, noi abbiamo fallito! Urlare non serve a comunicare, si forse ci farà ottenere quello che vogliamo nell'immediato, ma ci farà perdere l'occasione di analizzare il momento e capire le ragioni di nostro figlio e di spiegare a lui le nostre." 
      • e ci piace anche la particolare forma di comunicazione fatta da 3 parole segrete che la mamma di yenibelqis ha creato con la figlia per gestire le situazioni "difficili" "Quando io e/o mia figlia perdiamo le staffe, le nostre reazioni diventano spesso deleterie. Da qui l’idea, che si è rivelata azzeccatissima. Io e Meryem ci siamo date tre “safewords”, tre parole segrete che conosciamo solo io e lei. Le abbiamo scelte insieme e servono a gestire situazioni di tre livelli diversi di gravità.  

      - non dimenticare mai che il tempo scorre veloce e quindi SFRUTTARE OGNI SECONDO è fondamentale:

      Abbiamo imparato che in 45 minuti di nanna (si Gioia è quasi angelica.. dorme tutta la notte, ma di giorno fa dei micro sonnellini... ;-) ci si può fare una doccia, far partire la lavatrice, svuotare la lavastoviglie, preparare il brodo per la pappa eh .. si... anche "cazzeggiare" su fb o scrivere sul blog.
      Tra poco finirà anche il mio "congedo per maternità" e quei 45 minuti dovranno fruttare ancora di più...:
      • in questo caso la SOLITAMAMMA insegna "La strategia sta tutta nel non perdere nemmeno un minuto sorprendendosi di eventuali cambi di programma, del tipo: - Mamma mi scappa la cacca! e avere in mente l'obiettivo finale (che in realtà potrebbero essere due)." 

      -  non vergognarsi di  "CHIEDERE AIUTO":

      Noi siamo fortunati perchè, sebbene carenti di tutti e quattro i nonni (diciamo "biologici"), ne abbiamo due "acquisiti" che sono SUPERFANTASTICI e sempre pronti a dare una mano. A questi aggiungiamo una schiera di zii e l'aiuto è assicurato.
      E' vero non tutti hanno le famiglie vicine, ma se si ha il coraggio di alzare la bandierina bianca ogni tanto, qualcuno disposto a dare una mano lo si troverà sempre, come ad esempio è successo:
      • per la mamma e il papà di fioriintesta che nelle loro strategie hanno proprio inserito "HELP! e l'hanno utilizzato per regalarsi una serata insieme:"... l’aiuto richiesto consisteva in “Tommi s’è ammalato, andate voi al concerto al posto nostro, così non buttiamo i biglietti”. Voi non ci crederete, ma non c’era un cane disposto ad andare a un concerto. Tutti a smaniare per il babysitteraggio, quando il duenne malato voleva me-me-me-soltanto-e-sempre-me. Alla fine comunque siamo riusciti a sbolognarlo alla zia e al suo nuovo boyfriend e siamo scappati."  

      - e come il cacio sui maccheroni quello che non potrà mai mancare è sicuramente una dose "inquantificabile" di  AMORE:

      Questo è sicuramente il collante di tutta la ricetta... senza di questo gli ingredienti non potrebbero mai stare insieme.

      In questo caso non ci sarebbe bisogno di citare nessuno, perchè stiamo parlando di un ingrediente che sta alla base di ogni coppia, ancora prima di diventare genitori. Anche in questo caso però abbiamo trovato  un post che rappresenta in pieno questo ingrediente e che vi invitiamo a leggerlo integralmente; si tratta di "Quello che funziona (e come sopravvivere al resto): diventare mamma" di mamma Francesca PATATOFRIENDLY.

      Questo blogstorming ci è piaciuto moltissimo e torneremo a leggere questi ingredienti ogni volta che ci sembrerà di non riuscire ad essere i genitori che vorremmo, perchè, come in ogni cosa, fermarsi a riflettere, prendere un bel respiro e riorganizzare le idee, aiuta a vedere tutto in modo più chiaro e ad essere più consapevoli che, anche se la perfezione non esiste, come dice sempre il nostro papà/marito 3G: "Tutto passa e tutto si risolve".


      20 commenti:

      1. Carissima, sono venuta qui a leggerti incuriosita dalla tua "ricetta" del titolo e ho trovato anche una (bella) sorpresa. Sono davvero felice e onorata che il mio post ti sia piaciuto!!:)
        Un abbraccio e un bacino a Gioia!:)
        ps anche io canto come una matta!Anche in strada, pur di far star tranquillo il Patato!;

        RispondiElimina
      2. Ma grazie!! Purtroppo i 45 minuti non mi hanno concesso di avvisarti. ..volevo mandarti un messaggino per dirti che ti avevano citata ma tu hai fatto prima di noi! Siamo contenti che la cosa non ti sia dispiaciuta... Un bacino anche al patato!
        P.s.: in questi giorni la canzone che va per la maggiore è il coccodrillo come fa... In qualunque luogo e in qualunque posto..;-))

        RispondiElimina
      3. grazie mille.......
        bellissima sorpresa e contenta di fare la vostra conoscenza...
        buona giornata
        veronica

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Contenti che tu abbia apprezzato!
          Grazie di essere passata di qui!

          Elimina
      4. Grazie 1000! Seguirò questa preziosa ricetta anch'io!
        La vostra piccola è fortunata: siete due genitori meravogliosi!

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Troppo gentile!

          Siamo ancora alle prime armi... ne abbiamo di strada da fare... speriamo però di farla sempre accompagnati da un bellissimo sottofondo musicale!

          Grazie per il bellissimo complimento!

          Elimina
      5. :-D buonissima ricetta... ne verrà fuori qualcosa di speciale, sicuro!!! :-)

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Grazie! Lo speriamo tanto... ma se qualcosa non dovesse funzionare non esiteremo a gridare "HELP" ...;-)

          Elimina
      6. Ho appena letto il vostro commento al mio post e...altro che dispiacermi sono felicissima di essere stata citata! Così mi sono letta questo post tutto d'un fiato! Una ricetta bellissima!

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Grazie per averlo apprezzato allora!

          Elimina
      7. davvero un bel review. Alcuni post mi erano sfuggiti, mi ha fatto piacere recuperarli grazie a voi
        Lusingata anche per il quote del quattromanismo, come vi dicevo già ci tengo moltissimissimo :)

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Felici che ti sia piaciuto e che, nel perfetto spirito del blogstorming ti abbia anche fatto "viaggiare" tra i vari post...

          Il "quote" al quattromanismo non potevamo non farlo perchè siamo dei fedeli iscritti al club anche noi e, leggere del vostro essere sempre in due (quando possibile) anche al cambio pannolino ci ha fatto sentire in buona compagnia!

          Per cui, come già scritto anche a "casa vostra", lo scriviamo anche qui: GENITORI A QUATTRO MANI TUTTA LA VITA!

          Grazie per aver lasciato anche qui la tua "traccia"...:-)

          Elimina
      8. Grazie a voi per avermi citato!
        Che emozione!
        :-)

        RispondiElimina
      9. Grazie a te per aver apprezzato e benvenuta! :-)

        RispondiElimina
      10. Questo post ha quella dose di rionia che a volte mi manca e che invece aiuta sempre!! Grazie per i link che mi vado a leggere!

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Grazie! Ti capisco, perchè io di natura non sono per niente ironica, ma grazie a papà 3G sto imparando ad affrontare tutto con un po' più di ironia e leggerezza (non sempre mi riesce) e devo dire che con l'arrivo di Gioia, questo atteggiamento e sicuramente d'aiuto!

          Buona lettura allora... e ancora buona giornata!

          A presto!

          Elimina
      11. Ma è bellissimo questo riassuntone

        RispondiElimina
        Risposte
        1. Mammamsterdam benvenuta e GRAZIE!!!

          Elimina

      Lascia qui il tuo commento o mandaci una e-mail a famiglia3g@gmail.com.
      In buona fede lasciamo aperto il commento a tutti; eventuali commenti offensivi o non coerenti con i contenuti di questo blog verranno eliminati anche se pubblicati.

      Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...